L’ultima fatica di Luca Pantaleone

Il Franco Cavaliere

di Luca Pantaleone

Segnalazione a cura di Linda Lercari


Chi conosce Luca Pantaleone sa che, soprattutto, si occupa di filosofia. Mestiere arduo, difficile, una missione! Per questo NoCrime non può che segnalare favorevolmente questo autore vocato a una delle scienze più controverse.

francofotocover.jpg

Ma non è di filosofia che oggi vi vogliamo parlare, bensì del primo romanzo di Luca e, abbandonando per un poco la saggistica, ci regala un’opera narrativa ambientata nell’alto medioevo.  Una partenza quindi in grande stile essendo il romanzo storico un tipo di narrazione ben difficile.

In effetti Il Franco Cavliere non è esattamente uno storico, ma ha forti ispirazioni. 732 è l’anno di ambientazione, ma i personaggi sono molto moderni nel loro pensare e agire. Anche alcune espressioni non sono esattamente dell’epoca e subito si capisce di cosa si tratti. E’ un romanzo dalle forti tinte ironiche, un pretesto per osservare in modo distaccato e critico il mondo contemporaneo con le sue contraddizioni e con quel modo così manipolatorio di vedere la realtà.

La forma è molto buona e scorre bene a livello di lettura  con quel giusto grado di “medievalismo” che piace inframmezzato a modernismi simpatici  – per esempio “pupazzo di gomma” – che rendono il tutto molto godibile al lettore che non potrà non rendersi conto dei continui rimandi alle notizie d’attualità.

Questa la sinossi:

Il cavaliere franco Teodobaldo di Ramona, duca dei possedimenti reali di Sigisbona e di Metz, è un avido lettore pieno di ideali e un illuminato amante della letteratura e della filosofia. È costretto a partire dalla sua curtis insieme al fedele e stravagante servitore Ingombro per un’importante missione da compiere: raggiungere Poitiers per difendere la patria dall’invasione dell’esercito arabo, capeggiato dal temuto condottiero ‘Abd Allah al-Ghafiqi. Dopo una serie di peripezie e colpi di scena, il cavaliere e il suo scudiero capiranno di far parte di un evento storico i cui meccanismi sono diretti da personaggi politici senza scrupoli, che sfruttano l’odio tra i popoli per i propri interessi personali. In un’ambientazione storica riveduta e arricchita dall’immaginazione, “Il franco cavaliere” è un romanzo che spinge il lettore a riflettere sulla ricerca della verità al di là dei meschini giochi di potere.

Una prova ampiamente superata.

Consigliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *