AL GIGLIO DI LUCCA APPARE LA VISIONE DI SUOR A…LIDA

Potrei anche non scrivere niente su questa serata al Giglio di Lucca, avendo già recensito la cosa, in modo perfetto, come suo solito, l’amico Francesco Paolo Venza, ma….Alida è Alida, e non posso tacere.
SI, ieri pomeriggio il teatro di Lucca ha fatto un altro “Bingo”, come spesso gli capita.
Il dittico Pucciniano SUOR ANGELICA/GIANNI SCHICCHI è stato veramente un ottimo spettacolo, sia per la freschezza delle scene e dei costumi, anche contemporanei nella seconda opera, sia per il bellissimo insieme di Coro (Ars Lyrica) e Orchestra (della Toscana), ben diretta dal maestro Marco Guidarini, unite a 2 bellissimi cast nelle due opere, su cui hanno svettato (e non c’erano dubbi) le 2 signore della Lirica Alida Berti e Isabel De Paoli.
Alida Berti si meritava questa soddisfazione professionale; bravissima è sempre stata, ma da circa 2 anni ha acquisito un “di più” nella sua già superba voce, che le permette ora di agire su un repertorio più spinto, tanto da poter ambire a ruoli quali Anna Bolena o Norma, ma tra questi la Suor Angelica del “suo” Puccini, da conterranea del Maestro, penso che sia il coronamento di un sogno. Dopo le Musette, di cui è stata il riferimento, le Liù stupende che ci ha regalato, è arrivata Suor Angelica, che non deve essere un punto di arrivo, ma di partenza, per un lancio nei nuovi ruoli, che si merita e di cui potrà far godere un vastissimo pubblico, se FINALMENTE potrà avere ciò che merita.

La seconda dama della serata è stata il mezzosoprano Isabel De Paoli, che ammiro ormai da anni, ma che sta crescendo in modo esponenziale, già aprezzatissima in vari Falstaff ( anche qui a Lucca ) e Cenerentole, dove è una Tisbe da urlo, questa splendida ragazza ha raggiunto una maturità tale, da permetterle di esibirsi in ruoli anche “seri” con risultati eccellenti. E più serio della Zia Principessa, ragazzi, ce ne sono pochi!! Odiosa, cattiva, quasi ripugnante nell’interpretazione recitativa, ma con una voce profonda, ammaliante e caldissima, ha fatto davvero un capolavoro! E subito dopo che fa? ZITA in Gianni Schicchi!! Buffissima, con espressioni da macchietta e con la voce adattata al ruolo, quasi da domandarsi se nei camerini si fosse cambiata le corde vocali, come si fa con le gomme dell’auto quando si tolgono le invernali e si mettono le estive, insomma una SPLENDIDA REALTA’, che farà un gran bene alla Lirica con la L maiuscola.
Bravissime le suorine della Suor Angelica con il coro delle voci bianche, e tutti i protagonisti del Gianni Schicchi, tra cui una bella Lauretta di Francesca Longari, ed un OTTIMO Schicchi di Marcello Rosiello, bel baritono entrato perfettamente nella parte. Anche Giuseppe Infantno (Rinuccio) è un giovanissimo da seguire.
Non potendo elencare tutti, rimando alla locandina della foto.
Nel video, gli applausi finali della Suor Angelica. In seguito metterò quelli del Gianni Schicchi. Nelle foto, vari momenti della serata, ed infine con Isabel, e Alida che firma autografi e dediche.

Un bel GRAZIE a tutti, ma proprio tutti, per la bellissima serata.

Lucca 21.10 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *