Duecentocinquantamila sognatori, forse eroi

Ci lascia nella pioggia novembrina l’edizione 51esima di Lucca Comics&Games 2017, nel segno degli “Eroi”

 

LUCCA 05 novembre 2017 – Il cielo ci saluta un po’ piangendo. Che è quello che faranno tutti i 251.500 visitatori (solo i biglietti) della mostra mercato che – ci conferma Marco Giannatiempo, uno dei “maghi” dietro gli ingranaggi di questa manifstazione – è ormai la seconda manifestazione di settore al mondo, superando persino la storica e celebrata Angouleme o il San Diego ComicCon statunitense.

 

Piove, così i cosplayers hanno dovuto contendersi la palma della performance migliore non sul palco allestito sulle mura bensì nella prestigiosa e riparata sede dell’Auditorium San Francesco, presso l’area Japan Town – quasi raddoppiata in termini di padiglioni. Intanto sotto le nuvole l’astronauta Paolo Nespoli si mostra dallo spazio con la maschera del’Uomo Ragno, sul maxischermo dell’Agenzia Spaziale Italiana in Piazza San Giusto.  Leo Ortolani che ha raccontato l’impresa nel suo C’è Spazio per Tutti, gongolerà dietro le quinte, comodamente saldato a terra dalla sua proverbiale attitudine al volo interstellare. Gli fa eco un amareggiato Zerocalcare messo forse a dura prova dalla sua impegnatissima vita di star del fumetto, che presenta in anteprima Macerie Prime, una sua nuova opera, in attesa di essere portato nel cinema da Simone Liberati e Pietro Castellitto, attori che saranno gli alter ego di Zero e del Secco, suo immancabile amico, per la regia di Emanuele Scaringi ne La Profezia dell’Armadillo.   Robert Kirkman intanto incontra i suoi fan al Teatro del Giglio. Nei giorni scorsi il prestigioso premio GranGuinigi è stato assegnato nelle sue varie categorie a Jerry Kramsky e Lorenzo Mattotti per la graphic novel Ghirlanda; a Paolo Bacilieri per il fumetto breve Palla; a Corrado Roi e Paola Barbato per la serie Ut; la migliore disegnatrice del 2017 è Sara Colaone; il miglior sceneggiatore è stato Gabi Beltràn per Storie del Barrio (Tunué); il miglior autore/autrice unica è stato Joyce Farmer per Special Exits. Il Gioco di Ruolo dell’Anno è stato Seventh Sea; mentre Kingdomino è il miglior gioco del 2017. Il Maestro del fumetto incoronato a Lucca 2017 è Josè Munoz, che ha ricevuto il premio dalle mani del già premiato a Lucca Enrique Breccia. In memoria di Joe Dever è stato istituito un nuovo premio che è andato a Stranger Things, la serie on demand su Netflix.

Gli amanti dei videogiochi si sono sfogati sui 5mila metri quadrati allestiti nel Padiglione Cavallerizza. In Piazza Santa Maria la parte del leone è stata giocata dai padiglioni dedicati a CallOfDuty per il suo capitolo dedicato alla II Guerra Mondiale e a Destiny2.

In mostra a Palazzo Ducale hanno fatto onore all’edizione 2017 le immagini di Michael Whelan, autore del manifesto di questa edizione, “Heroes”; è ospitato anche il calco delle mani dell’artista che farà parte, insieme a quello degli altri illustri ospiti della manifestazione, della Walk of Fame di Lucca Comics & Games; i racconti per immagni di Igort; l’eleganza e il dinamismo della narrazione di Federico Bertolucci, Premio Gran Guinigi nel 2011 e ben tre nomination agli Eisner Awards. Seguono in mostra Sio (Simone Albrigi); di Arianna Papini, illustratrice di oltre 100 libri pubblicati con le più importanti case editrici per ragazzi; e infine le immagini create da Taiyo Matsumoto. Lontano dagli usuali stilemi manga, Matsumoto trae ispirazione soprattutto dal fumetto europeo, in netto contrasto con la tendenza all’isolazionismo culturale tipica del Giappone. E infine Raina Telgemeier: dallo straordinario punto di vista degli adolescenti – La storia del fumetto è piena di bambini, più o meno terribili.

Lucca già scalda i motori per la terza edizione marzolina di “Collezionando”, la mostra mercato del collezionismo che cerca di riproporre il “colore” tradizionale della manifestazione lucchese, nata nel circolo ristretto degli appassionati. LuccaCrea e ANAFI (Associazione Nazionale Amici del Fumetto e dell’Illustrazione) sono il padre e la madre di questo appuntamento, curato da Dario Dino Guida.

Noi salutiamo coi “lucciconi” come sempre questa magia che sta finendo ancora una volta, ancora un anno, dentro il magico cerchio delle mura di questa città toscana incantata. Ancora un po’ di sogno che resterà a farci compagnia sui rami delle piante intorno e sulla torre del palazzo Guinigi sopra alla città. Grazie LuccaComics!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *